Tu in che stagione sei?

Nulla è più bello che l’unione di due persone dove l’amore è maturato attraverso gli anni, dalla piccola ghianda di passione fino all’albero dalle grandi radici. Sopravvissuto a tutte le vicissitudini, e ricco con i suoi molteplici rami, ogni foglia conserva per sempre la sua dolce importanza ed unicità.”
VICTORIA SACKVILLE-WEST

La relazione di coppia attraversa diverse fasi che potremmo paragonare all’avvicendarsi delle stagioni.
L’ESTATE
La nascita della coppia si apre con la fase dell’innamoramento in cui i due partner si sentono rapiti e attratti l’uno dall’altro, sia dal punto di vista fisico e sessuale che dal punto di vista emotivo e intellettuale.
Ciascuno propone inconsapevolmente un’immagine ideale di sé e pone al centro del suo mondo l’altro. Questa fase potremmo farla coincidere con la stagione estiva dell’amore, in cui tutto appare edulcorato e predomina il calore all’interno della coppia.
L’AUTUNNO
Col passare del tempo e il subentrare della quotidianità l’idillio iniziale deve fare i conti con la realtà. É la fase della disillusione in cui si esce dalla fusione per entrare ognuno nella propria individualità, Io e Tu.
Questa fase è simile all’autunno in cui cadono le illusioni iniziali come le foglie dall’albero, essa può rappresentare un’occasione di crescita per la coppia oppure condurre alla fine del rapporto.
L’INVERNO
Quando la disillusione viene vissuta come delusione, “non sei più la persona che ho conosciuto”. Subentra la noia e la pesantezza della quotidianità, non ci si sente più capiti al volo, il rapporto diventa freddo.
Ciascun partner tenta di cambiare l’altro piuttosto che rinegoziare il rapporto iniziale su basi più realistiche. L’altro non è più così perfetto come sembrava, intervengono rivendicazioni rispetto ai patti non mantenuti. Si può assistere alla fine del rapporto.
LA PRIMAVERA
Quando, invece, l’innamoramento iniziale si trasforma in amore, come un fiore che sboccia in primavera, la relazione diventa matura e stabile. I partner sono in grado di riconoscere, accettare e ascoltare l’altro come individuo diverso da sé: “ti scelgo per come sei e non per come vorrei che fossi”. Si delinea una coppia sana che basa il proprio rapporto sulla condivisione ed empatia, sulla collaborazione e sulla libera espressione della propria personalità, sulla reciprocità e il rispetto dell’altro. In altre parole, la coppia è in grado di costruire una nuova identità, definire confini chiari rispetto all’ambiente esterno, supportare e valorizzare l’impegno sociale del partner, condividere le relazioni amicali e allo stesso tempo trovare uno spazio per le amicizie individuali.
Il passaggio dall’estate alla primavera dell’amore non è sempre semplice. Alcune coppie passano direttamente dall’autunno alla primavera altre, invece, rimangono irretite nel gelo dell’inverno, senza giungere alla fine del rapporto né evolvere in una relazione matura. Il sostegno di un esperto in questi casi si rivela fondamentale per aiutare i partner a sbloccarsi e trovare la giusta direzione in modo equilibrato.

Lascia un commento